Polentone di Retorbido

Da Vafud.

Il polentone è la festa più importante di Retorbido. Si festeggia da circa un secolo, ricordando, come indica la leggenda, che Retorbido è il paese natale di Bertoldo, il contadino reso celebre dalla penna di Giulio Cesare Croce.

Indice

Quando

La sagra si svolge la seconda domenica di marzo di ogni anno.

La polenta ed i Salamini

È l'avvenimento che da il nome alla sagra.
Grossi pentoloni di polenta, lunghe file di salamini alzati nientedimeno che da una gru! E la ressa della gente che si accalca per accaparrarsi una porzione di polenta. Tanti volontari che distribuiscono in fretta, alla folla affamata come se venisse da tre giorni di digiuno... Insomma, l'attrazione principale è lei, la polenta coi salamini.

Distribuzione polenta

Le bancarelle

Tante bancarelle di tutti i tipi, giuochi, dolci, vestiti, materiale per il vino o l'agricoltura e formaggi, salumi, vini e chi più ne ha più ne metta. Il polentone diventa così anche occasione di fare mercato.

Bertoldo e re Alboino

Come accennato inizialmente, la leggenda colloca qui a Retorbido il paese natale di Bertoldo, il celebre e scaltro contadino, che in una riuscita recita, tutti gli anni si presenta al polentone, accompagnato dal suo asino e dalla moglie Marcolfa per apparire al cospetto di re Alboino (storico re dei Longobardi). Le gag non si risparmiano, tra battute sagaci e arrabbiature di re e regina. Vafud vi segnala, a proposito di questi personaggi, che ne è stato tratto anche un film: Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno.

I carri

Per anni la sagra è stata caratterizzata dalla sfilata di carri, interrotta recentemente per volontà del comune, doveva riprendere nel 2011, edizione funestata dal maltempo. Oltre ai carri solitamente una o più bande con sbandieratori e majorette, sfilano per le vie del paese.

Le visite

Sono circa trent'anni che Vafud visita questa sagra, appuntamento ormai irrinunciabile.

Edizione 2016 (13 marzo): Novantottesima edizione. Quest'edizione, ci spiace ammetterlo, è stata sotto tono. Il meteo non ottimale, l'assenza di carri, forse anche meno bancarelle rispetto al solito. Polenta e salamini come al solito ottimi, ma speriamo in una ripresa per gli anni prossimi. E poi... tra un paio d'anni sarà una festa secolare!

Edizione 2015 (8 marzo): Giornata perfetta e calda, tanta affluenza per questa novantasettesima edizione del polentone. I carri un po' sotto tono rispentto all'anno precedente, ma comunque piacevoli. Molti i bambini al seguito. Come da tradizione abbiamo ascoltato le sagge parole di Bertoldo, prima di tuffarci a ritirare la polenta con i salamini. Uno dei rari bagni di folla che facciamo volentieri!

Edizione 2014 (9 Marzo): qualche parola anche quest'anno per questa tradizionale festa. Tanta gente e tante bancarelle. Ottima giornata di sole con un po' di arietta. Ne abbiamo approfittato per berci una buona birra al sole in attesa della distribuzione della polenta. Ci siamo goduti anche qualche battuta dello spettacolo dei burattini, che facevano ridere come matti i bimbi presenti. La banda, i costumi e coriandoli ovunque ci hanno catapultati in una confortevole dimensione fanciullesca anche questa volta!

Edizione 2013 (10 marzo): dopo una settimana di maltempo, il sole è tornato a splendere su Retorbido, in tempo per il polentone. Un po' meno di bancarelle rispetto agli altri anni, ma immancabile il polentone e molto belli i carri di Valmadonna, che come l'hanno precedente hanno fatto le cose davvero in grande! Abbiamo aggiunto qualche foto nella galleria.
Ah, questa è la novantacinquesima edizione!

Edizione 2012 (11 marzo): bellissima giornata di sole. Le bancarelle intasano le vie del paese, e le autovetture sono posteggiate fin nelle mulattiere di campagna.
Quest'anno abbiamo visitato la festa con amici e parenti, ed abbiamo incontrato un sacco di conoscenti. Dopo anni che non si vedevano, hanno fatto capolino un paio di carri allegorici, in grande stile con un seguito di decine e decine di danzatrici di tutte le età! Il polentone è stato servito con la consueta confusione, gente che si accalca tentando di estendere le braccia il più possibile verso un piatto di polenta e salamini. Bertoldo s'è presentato al cospetto di re Alboino come suo solito, con una biondissima Marcolfa e un mulo alto quasi due metri. I negozi del paese aperti, banchetti di ogni tipo e un mucchio di gente completavano questa bella girandola di colori e suoni. Per la prima volta abbiamo scattato anche un paio di fotografie.

Edizione 2011: a memoria di Vafud, la prima funestata dal maltempo. Era capitato che anni fa ci fosse vento, o nuvoloso, ma mai la pioggia battente. Questo non ha impedito ad un discreto numero di persone di presentarsi ugualmente e visitare le bancarelle che comunque erano presenti. Ridotta la manifestazione principale (la polenta coi salamini) ed assente la prevista sfilata dei carri. Re Alboino e la sua regina si sono comunque fatti vedere ed hanno sfilato tra la gente. Vista la riduzione della festa, ad un certo punto del pomeriggio Vafud si è rintanato al Gergovia a bere un paio di birre. Siamo contenti di aver presenziato anche quest'anno, ma dovremo inoltrare le nostre lamentele a Thor per il maltempo.
Degli appassionati hanno registrato un bizzarro video per quest'edizione, che potete visualizzare qui:

Galleria fotografica

Edizione 2016

Edizione 2014

Edizione 2013

Edizione 2012

Collegamenti esterni

Bertoldo
Pagina di re Alboino su wikipedia

Commenti

Strumenti personali
Google AdSense